testata

opere su tela

                                                                                                 

P1010020 copiaPrima, quando avevo voglia, ho lavorato poco perchè ho avuto altro da fare; oggi, che non ho nulla da fare, ho la stessa voglia, ma lavoro poco lo stesso perchè sto invecchiando!

Vagare senza meta e disperdersi tra le anse inesplorate dei pensieri, in cerca di ispirazioni... che alle volte arrivano inaspettate.

Volano gli anni; e voliamo noi con loro.
Dove ci porteranno le ampie ali del tempo? 
Spero verso spazi liberi e sconfinati come il pensier nostro che tende verso l'universale sapienza.

                                                                                                                 Pietrasanta - Museo dei modelli

 

Per essere veri artisti non si e' mai abbastanza folli. La follia è il sale dell'arte. 

Materia amorfa e inanimata acquista forma e anima attraverso gli strumenti dell'artista.

                                                                                        

                                                                                                                                                                        

 

testata 3 P1010023 copia

L'opera d'arte è quella cosa che ti distoglie da pensieri, occupazioni e preoccupazioni, cattura tutta la tua attenzione e ti costringe ad osservarla anche senza volere, e nel mentre stimola e ravviva l'attività del subconscio.

Intuizione, Riflessione, Sentimento: l'opera d'arte è idealmente compiuta. 

Quando l'opera d'arte s'intromette tra l'artista e il mondo, pretende ed ottiene tutto il tempo per se'! Ma se l'amore, con la sua gelosia e le sue trame, si insinua in questo giro, mette si' in scompiglio la psiche, ma l'opera d'arte sublima.

 Inneggiamo al tempo che passa che rende dinamico e solerte il nostro divenire, poiché quando vivremo nell'eternità saremo immobili come pesanti monumenti!

                                                                                                                 Pietrasanta - Museo dei modelli

 

 

 

 

testata 4 P1010027 copia

                        

Scovare dal profondo i pensieri bui, smontarli pezzo a pezzo, coglierne la fosca essenza, analizzarla a fondo e spremerla con vigore e cura da farne sgorgare linfa creativa.

 

 

 

                        

                                                                                      

 

                                                                                                                 Pietrasanta - Museo dei modelli

 

Tutto può essere fonte d'ispirazione:
l'acqua impetuosa di un torrente,
la fiamma che arde in un camino,
la pioggia che scroscia sulle nostre finestre
un raggio di sole che squarcia le nubi,
l'intenso profumo del gelsomino,
uno stormo di uccelli migratori,                    
un'onda marina che spumeggia sugli scogli...
ma è dal guardarsi dentro con paziente determinazione
che si trae l'ispirazione migliore; 
chè c'è un Universo immenso dentro di noi...inesplorato!

Un artista non ha mai né l'aspetto né l'animo tranquilli, specie quando progetta di mettere in cantiere una nuova opera d'arte. Egli, infatti, trasfonde tutta la sua serenità interiore nel lavoro che si accinge a compiere.

 

COL DIALOGO TRA L'ANIMA INDIVIDUALE E L'ANIMA DEL MONDO, CHE PURE E' DENTRO DI NOI, SI COGLIE L'INTIMITA' DEL TUTTO

 

 

NEL SILENZIO ALEGGIA L'ANIMA DEL MONDO
E PACATAMENTE NE SENTO I PALPITI

 

 

 

 

testata 5 P1010009"lavoro alle "Grazie"

Intorno ad esse la suadente voce dell'arte
ha evocato immagini sacre e profane nello scorrere dei secoli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                                       Caprone 

Lavoro alla testa di un caprone

 

"Però non farmi la testa di una pecora",
mi raccomandò il buon Giuseppe,
"ne ho piene le scatole delle pecore!".
"Ecco, la testa di un caprone,
forse ti si addice meglio...!" gli risposi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giomaria Cambera è un sardo DOC: nato a Santu Lussurgiu (Oristano) dove attualmente vive ed opera, ha trascorso quarant'anni della sua vita in Lombardia. L’approccio con l’arte pittorica inizia presto, fin dagli anni della scuola. Dopo il diploma magistrale svolge il servizio militare a Novara, dove entra in contatto con il mondo artistico locale che lo affascina. Successivamente, nella vicina Milano, egli ha modo di perfezionare le conoscenze artistiche acquisite e inizia a dipingere.

La sua formazione classica lo porta a ricercare e trarre spunti pittorici dalle grandi opere letterarie, in particolare dalla Divina Commedia. Cambera non si limita solo a dipingere ma si cimenta anche nella scultura: una delle più interessanti, dedicata alla donna, è scolpita in tiglio e riprende i primi versi del terzo canto del Paradiso dantesco: bellissimo omaggio al mondo femminile, che riscalda d'amore il petto degli uomini. La sua pittura è sciolta, lineare; osservando le nature morte, così come le sue sculture, ti addentri in un mondo quasi irreale, che ti cattura e ti trascina; le immagini sono permeate di sentimento e accarezzare le sue sculture, se chiudi gli occhi, è come “aprire la porta” del suo mondo segreto, pieno di fascino e amore universale.

 

 

Cambera, sardo del Montiferru, è uomo caparbio, mai pago dei risultati raggiunti, sempre alla ricerca del più e del meglio. Una vita intera passata a sperimentare e trovare il modo di esprimere concretamente con immagini e sculture il suo Io. Il suo scolpire, il suo dipingere, sono un modo concreto per esternare al mondo le sue emozioni, i ricordi, la nostalgia e l’amore per la terra natia. Le tele ed i duri legni del suo monte, sotto le sue mani si trasformano: da materia bruta e insignificante diventano la concretizzazione dei suoi sogni, in forme che vanno ben al di là dell'immagine rappresentata, perché contengono al loro interno l'impeto emotivo che le ha generate.

 

Amico Mario